Frutti di bosco: una risorsa per lo sviluppo rurale di aree collinari e montane

Frutti di bosco: una risorsa per lo sviluppo rurale di aree collinari e montane
12 Mar 2015

FONTI: www.salute.gov, www.efsa.europa.eu/it/

Siamo ormai giunti ai blocchi di partenza con la nuova programmazione di sviluppo rurale 2014-2020 (PSR) e può essere interessante analizzare alcune opportunità per i giovani agricoltori. In questo caso prendiamo in considerazione i frutti di bosco. Questa coltivazione può rappresentare una risorsa per la valorizzazione e lo sviluppo di aree rurali collinari e montane della nostra Regione.

Oggi i consumatori, soprattutto dopo il recente caso di epidemia di epatite A 2013-2014, sono ancor più attenti alla provenienza dei frutti di bosco. E’ bene ricordare che dal rapporto dell’ EFSA (Autorità europea per la sicurezza alimentare) i lotti portatori di virus dell’epatite A provenivano dalla Polonia e dalla Bulgaria ed erano tutti venduti surgelati, questo perché il mercato è in espansione e le produzioni nazionali del fresco non sono sufficienti a coprire il fabbisogno interno. Il mercato deve pertanto ricorrere all’importazione che, oltre a garantire dei prezzi più bassi, riesce anche a soddisfare la domanda interna. Ma diventa di primaria importanza offrire al mercato anche la garanzia di portare in tavola un prodotto salubre e che faccia bene alla nostra salute.

Un consumatore, visto il concreto rischio di contrarre una malattia severa come l’epatite A, sarà verosimilmente orientato verso l’acquisto di frutti di bosco “made in Italy” che garantiscano di non nuocere alla salute e che possano tranquillamente essere consumati anche freschi. Ricordiamo infatti che, il Ministero della salute, raccomanda il consumo di frutti di bosco surgelati solo previa bollitura di almeno 2 minuti.

Ma perché ricorrere al surgelato estero se possiamo scegliere un prodotto fresco garantito e magari “Km zero”? Il gradimento del consumatore verso i piccoli frutti è elevato in quanto associati ad un’idea di alto valore nutritivo e di naturalità. Rispondere alle esigenze di un consumatore attento alla qualità è sicuramente un buon punto di partenza per intraprendere un’attività vincente.

Share

Avatar
admin_agro