Come fare lo yogurt biologico in casa

Come fare lo yogurt biologico in casa
06 Apr 2015

Spesso preferiamo comprare cibi già pronti presso i nostri alimentari di fiducia sia per mancanza di tempo perché tra famiglia e lavoro non ci risparmiamo mai, ma anche perché non sappiamo come fare. A volte alcune cose sembrano difficili, poi in realtà quando ci si mette alla prova, magari con l’aiuto di qualche buon consiglio, ci rendiamo conto che possiamo ottenere i risultati più inaspettati.

Partiamo subito a parlare dello yogurt: tutti lo mangiamo ma pochi lo conoscono bene.

Può essere chiamato yogurt soltanto il latte vaccino fermentato con Lactobacillus bulgaricus e Streptococcus termophilus. Questi due fermenti lattici sono responsabili del processo di scissione del lattosio in due zuccheri più semplici: il glucosio ed il galattosio. Il latte vaccino inoculato con questi fermenti lattici attivi subisce un processo di fermentazione durante il quale il lattosio viene trasformato in acido lattico. Lo yogurt è per questo ben tollerato anche da chi presenta intolleranza al lattosio, lo zucchero del latte.

Ingredienti e materiale necessari per produrre lo yogurt in casa:

  • 1 litro di latte fresco parzialmente scremato biologico proveniente da una latteria locale;
  • un vasetto di yogurt biologico naturale acquistato nel vostro negozio di fiducia;
  • una yogurtiera.

Per prima cosa bisogna versare il latte in un pentolino e portarlo ad ebollizione per almeno 3 minuti. Questo passaggio è fondamentale perché oltre a rendere il nostro latte sterile, il calore porterà le proteine del latte a completa denaturazione.YO2 E’ bene sapere che in questo modo andranno distrutte anche le vitamine contenute nel latte di partenza, ma lo yogurt non è tanto amato per il suo apporto in vitamine bensì per la sua consistenza cremosa e per il senso di sazietà che lascia. La denaturazione delle proteine contribuirà a rendere il nostro yogurt fatto in casa cremoso e non acido.

Una volta portato ad ebollizione il latte, coprire il pentolino con il coperchio e attendere che si raffreddi.

Intanto possiamo dedicarci al lavaggio in acqua calda dei nostri vasetti che troviamo in dotazione con la yogurtiera.    

Una volta raffreddato il latte, versarlo in parti uguali nei vasetti di vetro. Yo6Ora, tirare fuori dal frigo il nostro yogurt biologico naturale acquistato nel vostro  negozio di fiducia e distribuirne due cucchiaini in ciascun vasetto. Alla fine con il cucchiaino, mescolare bene ogni vasetto. Con questa operazione abbiamo inoculato i fermenti lattici nel nostro latte. Posizionare i vasetti i yogurt, senza coperchio, nella yogurtiera posizionata su un ripiano e controllare l’ora. La funzione di questo piccolo elettrodomestico  è di mantenere la temperatura ideale di fermentazione. Bisogna aspettare 8 ore al termine delle quali il nostro yogurt sarà pronto. 

I vasetti vanno tolti delicatamente dalla yogurtiera facendo attenzione che l’acqua di condensazione accumulatasi sul coperchio non cada dentro ai nostri yogurt.
Per dare allo yogurt una consistenza cremosa, mescolare delicatamente lo yogurt per rompere il coagulo ed incorporare il siero che si forma, chiudere il coperchio, e riporre in frigorifero per almeno 2 ore. Lo yogurt casalingo ha un tempo di conservazione massimo di 15 giorni.

Ed ora, svelati i segreti di un buon yogurt “biologico a km zero” fatto in casa, non resta che gustarselo con il valore aggiunto di averlo fatto da soli. Provate a coinvolgere i vostri figli: all’ora di merenda non vedranno l’ora di assaggiare lo yogurt preparato con il loro aiuto.

Se questo articolo vi è sembrato utile ed interessante, lasciate un commento.

Share

admin
admin